giovedì 18 aprile 2013

Ellis, Bret Easton Ellis

Ho tagliato minuziosamente i due peperoni, uno rosso e uno giallo perchè anche l’occhio vuole la sua parte. Ho pelato un paio di spicchi d’aglio, li ho schiacciati con il cucchiaio e con un goccio d’olio extravergine d’oliva ho messo il tutto ad arrostire a fuoco lento. Tra un attimo salerò, sfumerò con un goccio di vino bianco e insaporirò con una spolverata di pepe nero a fine cottura aspettando che arrostiscano a modino.
Il dado non lo uso quasi mai. Da quando ho smesso di bere cerco di tenermi lontano anche dal glutammato. Ho deciso che voglio condurre una vita sana; ho anche investito un ventello comprando una Brita per rendere l’acqua del mio rubinetto più morbida. Solo all’idea mi sento già meglio.
Vado ghiotto di peperoni arrostiti in padella e la cucina è una delle mie passioni. Ma non è di questo che voglio scrivere oggi. Alle lezioni di cucina ci penserà quell’incapace di Benedetta Parodi su La7 questa sera. Mamma, mancano due minuti al tiggì. Fanculo!
Ma non voglio nemmeno parlarvi del mio amico Juri che hanno trovato morto stecchito per overdose d’eroina l’altra notte al parchetto della Luna. Non preoccupatevi per me, ero psicologicamente preparato da tempo a questo. Non ho sofferto tanto alla notizia; da anni aspettavo questo tragico epilogo. Anzi, delle volte mi sono trovato a stupirmi che Juri fosse ancora vivo. Da parte mia, trovo che morire per eroina nel 2013 sia un pò demodè, vintage, d’essai. E soprattutto, diciamocelo, a trentanni passati. Pace all’anima sua.
Fin da piccolo Juri era affascinato dal cosmo. Dai pianeti, dalle galassie. Stavamo ore ed ore al parchetto a fissare le stelle la notte. Sapeva tutto. Sapeva perchè erano luminose, perchè alcune bianche altre gialle e sapeva perchè ogni sera cambiavano. Poi, quando ha scoperto che il primo uomo a volare nello spazio portava il suo nome la frittata è stata fatta. Presa consapevolezza con l’età che diventare astronauta era impossibile, ha cominciato a viaggiare sotto effetto delle più disparate schifezze si risucissero a reperire alla stazione. O al baretto.
Ne ha leccate, ingerite, fumate, tirate con il naso, sciolte negli occhi, sparate nel culo e dritte dritte nelle vene. Juri era veramente un ragazzo intelligente. Riusciva a trovare un senso per qualsiasi cosa accadesse al modno. Lui sapeva perchè i dinosauri si erano estinti, chi c’era dietro ai cerchi nei campi di grano e aveva parlato pure con Dio una notte, lo ricordo come fosse ieri.
L’ultima volta che l’ho incontrato sarà stato un mesetto fa. Faceva ancora freddo e una notte insonne ho deciso di andare a fare quattro passi al parchetto della Luna. Il silenzio misto al buio mi aiutano a pensare e pensare mi aiuta a prender sonno. Prender sonno mi riempie di gioia.
Saranno state le tre di notte, alcuni dicono le tre di mattina, quando vedo apparire Juri dal niente in sella la suo cavallo di legno.
Capelli unti appiccicati al cranio, giubbetto di ecopelle primaverile, spalle alte e arcuate, fronte e tempie perennemente rigate di sudore. Aveva negli occhi l’algoritmo del senso della vita.
Mi pesta quasi i piedi senza guardarmi nemmeno in faccia e fila dritto e veloce come il vento dove solo sa lui. Lo afferro per un braccio e lo blocco. Ci scambiamo un saluto e mi liquida in un baleno confidandomi che ha fretta. Sono trentotto ore che non si buca e se non trova due gocce d’eroina al volo per dissetarsi le vene giura che esplode. Capisco. Mi affianco a lui e camminiamo insieme nell’oscurità senza dirci niente. Non vuole parlare, cazzo, possibile che sia così difficile da capire? Ha un passo inspiegabilmente veloce, forse per seminarmi. Mi ostino a stargli appresso. Arriviamo al laghetto e vedo una brace ardere nel niente. Capisco che quì la nostra passeggiata può considerarsi finita. Il sonno non mi ha ancora raggiunto. Lo saluto senza ricevere nemmeno una parola in risposta. Lo seguo qualche altro istante con lo sguardo e me ne torno sui miei passi ripensando ai suoi occhi che una volta erano grigi. Una decina di minuti più tardi vedo emergere dall’abisso uno zombie vestito da Juri. Quando mi arriva a pochi lenti passi vicino lo chiamo con il nome che usavamo quando eravamo ragazzi. Gagarin dove vai?
Scandendo le sillabe come parlasse al rallentatore, per giunta con la bocca piena di marshmallow, mi dice, a raccogliere i papaveri sulla luna per la mia Marina... il sole di primavera rischia di bruciarli se rimangono ancora un pò là da soli.
Solo allora ho capito che Juri è stato il più grande poeta surrealista mai esistito al mondo. So che parlare di mondo per lui sarebbe restrittivo ma questo è quello che penso.
Ma ho detto che non vi avrei parlato di Juri quindi basta così o rischiate di lasciarvi coinvolgere troppo emotivamente e non vorrei mai che diventasse per voi come un fratello da compiangere.
Oggi è una splendida giornata di sole. Prove generali di primavera dalla mia finestra mentre i peperoni sfregolano in padella.
Un piccione atterra giusto sul mio davanzale. Mi sta fissando. E’ buffo. Non avevo mai osservato così a lungo ed attentamente un piccione. Devo confessare che non è poi così brutto. Stupido forse, ma brutto certo no. Muove quella testolina di cazzo a scatti a intervalli regolari e poi mi ammicca. Un piccione mi sta ammiccando alla finestra mentre la vita mi rotola addosso e la terra si sgretola sotto i miei piedi. Mi sovviene un triste sorriso. Il piccione decide di cacarmi sul davanzale e senza batter ciglio si butta di sotto. Spero almeno che le ali non gli si siano aperte.
Dall’odore che sento capisco che i peperoni necessitano del mio aiuto. Allora diamoci dentro con il vino bianco. Mi accendo una mezza canna bruciacchiata che trovo nel posacenere. Assaggio i peperoni e decido che un mezzo dado va aggiunto o non sentiranno di un emerito cazzo. Odio i sapori tenui. Dato che ci siamo, diamo uno strappo alla regola.
La prima sorsata di birra fresca dopo qualche mese trascorso a far salire la glicemia a suon di bibite gassate dolci è qualcosa che non si può descrivere a parole.
Fatto trenta, facciamo trentuno. Aggiungo anche l’altra metà del dado e buonanotte ai suonatori. Fanculo al rigore, la vita è già di per se troppo triste.
Sono distratto ultimamente. Ci sono tasselli della mia vita che non trovano il giusto posto. E’ come se vivessi in un puzzle da trecentomilamilioni di pezzi sparsi alla rinfusa per il mondo. Mi trovo coinvolto in una caccia al tassello del puzzle. Buffo. Ogni tanto passeggiando distrattamente ne trovo qualcuno per terra. L’istinto mi dice di raccoglierlo ma la pigrizia mi impedisce di farlo e passo oltre certo che sulla mia strada ce ne saranno altri. Se lo scopo è comporre un bel paesaggio montano con cime innevate, temo tanto che fallirò.
Quasi dimenticavo perchè mi sono messo seduto davanti alla finestra a schiacciar tasti come in una prova d’abilità “sgrancisci dita”.
Lo confesso, ieri ci sono ricascato nuovamente. Come un coglione. Io odio Bret Easton Ellis. Dico senza vergognarmi che Bret Easton Ellis è uno scrittore che mi fa letteralmente cacare. Forse il piccione di prima aveva appena finito di leggere Glamorama. Trovo che Ellis sia arrogante. Spocchioso. Odiosamente supponente. Io quando posso cerco di tenermi alla lontana dalle persone arroganti. Se poi sono anche spocchiose e supponenti, Dio ne ne scampi... Poi odio i sequel. Odio chi fa qualcosa di grandioso e poi finisce con il mandare tutto a puttane venticinque anni dopo. Magari per soldi. Peggio se per mancanza di idee. Meno di zero finisce con A Los Angeles avevo sentito la canzone di un gruppo locale. La canzone si intitolava Los Angeles e le parole e le immagini erano così dure e amare che non riuscii a togliermele dalla testa per giorni e giorni. Le immagini, scoprii in seguito, erano personali, nessuno che conoscevo le condivideva. Le immagini che mi passavano per la testa erano di gente impazzita perchè viveva a Los Angeles. Immagini di genitori così insoddisfatti e affamati che si mangiavano i figli. Immagini di ragazzi della mia età che alzavano gli occhi dall'asfalto e rimanevano accecati dal sole. Queste immagini non mi abbandonarono nemmeno quando lasciai la città. Immagini così violente e malvagie che diventarono il mio unico punto di riferimento per molto, molto tempo. Dopo la partenza.
Cioè, insomma, Bret Easton Ellis con Imperial Bedrooms hai cacato fuori dal vaso.
Cazzo!

E tu, Josh Bazell, stai attento. Non pensare di averla fatta franca, ne ho anche per te. E non tirarmi in ballo il solito povero David Foster perchè do di matto.

2 commenti:

SpeakerMuto ha detto...

Imperial bedrooms lo dicono tutti che fa cagare, ma ho sempre trovato BEE un po' ripetitivo. Per me il suo miglio romanzo è "Lunar park", figurati.

Josh Bazell: meglio "Vedi di non morire" che il seguito, IMHO.

comune ha detto...

secondo me di bret maledetto easton ellis vale la pena american psycho.
concordo con te su bazell: vedi di non morire mi è pisciuto mentre a tuo rischio e pericolo è scandalosamente una rottura di cazzo!
ora scappo o perdo l'aereo.
ossequi